Delusione dell’Altro

Il sentimento di delusione verso un altro/a,implica la necessità, se no pena la stagnazione psichica, di comprensione dell’altro e di sè. Spesso la comprensione successiva alla delusione porta cmq lontano dall’altro. Oppure porta ad un rapporto più fecondo di prima, ma sempre comprensione è. Comprendere di aver tradito sè stessi o di essere cambiati anche grazie all’altro, cioè aver tradito l’altro, porta la trasformazione alla coscienza e a compiersi per dare spazio ad altri processi nuovi.

 

medium

Zaira Cestari

9 risposte a Delusione dell’Altro

  • Alessandro mariotti scrive:

    ♡♤..

  • Gianluca Pratesi scrive:

    Ciao Zaira. Molto interessante ma sarebbe necessario secondo me che questo argomento fosse sviluppato ulteriormente. E’ una cosa che mi tocca molto da vicino. Io, molto spesso, sono stato deluso dagli altri e questo tema mi interessa enormemente.

    • Zaira Cestari scrive:

      Grazie Gianluca. Accolgo il tuo commento come uno spunto per sviluppare da questa riflessione, un articolo vero e proprio. Puoi farmi qualche domanda se vuoi. Arrivederci.

  • Gianluca Pratesi scrive:

    Grazie Zaira, ma non arrivano le notifiche delle tue risposte?

    • Zaira Cestari scrive:

      a me si, a te?

      • Gianluca Pratesi scrive:

        No, devo attivare qualcosa sul tuo sito?

        • Zaira Cestari scrive:

          No, per ora, devi solo controllare. 🙂

          • Gianluca Pratesi scrive:

            Ok. 🙂 Scriverò qualcosa di getto: Il problema vero della Delusione dell’Altro è che se non viene elaborata questa delusione (o tradimento) le persone possono rinchiudersi a riccio verso gli altri, mettere “corazze” verso il mondo e pensare che tutti siano uguali e che siano nemici. Il cosiddetto: Tutto il mondo è contro di me! Questa sensazione, questa “guerra silenziosa” può essere molto pericolosa in quanto può scatenare sia conflitti individuali sia con gli altri molto forti. Per non parlare poi del profondo senso di frustrazione che questi individui possono provare e come ben saprai, la frustrazione genera mostri spesso incontrollabili.
            Se mi viene in mente qualcos’altro ti scriverò di nuovo, purtroppo io non sono molto bravo a scrivere, preferisco parlarne di persona di queste cose.
            Ciao Zaira

          • Zaira Cestari scrive:

            Grazie Gianluca. Le espressioni scritte di “getto” sono spesso le più vere poichè immediate. E perciò non giudicabili. Ti rispondo reinviandoti ad un’altra riflessione: http://www.cestarizaira.info/il-mondo-fuori-di-me-e-specchio-del-mondo-dentro-di-me/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *