Tributo a Jung a più mani: l’incontro con sè stessi.

Ieri, 6 giugno 2016, è ricorso il 55esimo anniversario dalla morte di C.G.Jung, uomo e psicologo che ha dedicato la vita e la ricerca all’accostarsi alla psiche con rispetto ed umiltà.

L’occasione è stata celebrata con un tributo a più mani.

 6 Giugno 1961.
Moriva il più grande psicologo al mondo:
Carl Gustav Jung.
Dedicò la sua vita all’anima…

(di Emanuele Casale)

Lo ricordiamo con alcuni inediti,
racconti e testimonianze di oggi

 «Nessuno sa quello che faccio; non è rappresentabile e non lo si può fotografare.»
(Jung in un’intervista concessa a Cleonie Carroll Wadsworth, 1 Marzo 1954, Countway Library of Medicine, Harvard Medical School)

Indice dell’articolo:

  • Introduzione
  • Tributo a Jung
  • Chi non era Jung. Una piccola parentesi
  • Il giorno in cui Jung morì: sincronicità e presenze. Racconto di Barbara Hannah.
  • Che cosa ci ha lasciato oggi Jung?
  • SPECIALE!! Testimonianze odierne: ognuno racconta il proprio incontro con Jung !!

Continua a leggere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *