Anoressia: conoscere i sintomi e come curarsi

Anoressia: come affrontare, conoscere e curare i disturbi di anoressia nervosa

Hai bisogno d'aiuto? Chiedi una consulenza in psicoterapia sull'anoressia a Pisa

Se ritieni di avere un disturbo legato all'anoressia, o disturbi alimentari in genere, non aver timore di chiedere aiuto ad un professionista che possa aiutarti ad affrontare e curare l'anoressia. Svolgo la mia attività clinica come psicologo e psicoterapeuta a Pisa, per richiedere una consulenza di psicoterapia sull'anoressia a Pisa puoi contattarmi compilando il seguente form.

Cos'è l'anoressia?

L'anoressia è un disturbo alimentare associato alla mancanza di appetito, in questo caso andiamo ad analizzare quella che viene definita anoressia nervosa. L'anoressia nervosa colpisce prevalentemente il mondo femminile e il sintomo più comune è il rifiuto di voler mantenere il proprio peso al di sopra del peso minimo normale, associata ad una visione distorta del corpo vedendolo mai adeguato con il nostro pensiero. Andiamo a vedere meglio altri sintomi ed alcuni comportamenti di una persona affetta da anoressia nervosa.

I Sintomi e alcuni comportamenti

Tra i principali sintomi dell'anoressia emerge il controllo ferreo sul proprio peso e il provare una certa soddisfazione nel vedere il nostro corpo dimagrire e sentirlo vuoto e leggero. Ecco i segni che ci avvisano che si sta verificando nella nostra vita il disturbo dell'anoressia nervosa.

  • paura a prendere peso o diventare grassi
  • influenza del peso sulla nostra autostima
  • fare esercizio fisico in maniera eccessiva senza apportare i giusti nutrimenti
  • dieta ferrea
  • eccessiva valutazione del proprio peso
  • indursi il vomito
  • assumere lassativi o diuretici

Cura e Rimedi

La cura dell'anoressia è molto variabile da caso a caso. Nella maggior parte dei casi un approccio multidisciplinare seguito da un equipe coesa è necessario. L'approccio della psicoterapia junghiana guarda al sintomo come alla manifestazione di un tentativo di cambiamento che non trova fattualità, concretizzazione. Il controllo esercitato sul corpo e sul cibo indica che la personalità del soggetto ammalato non riesce più a vivere senza poter esprimere senza paura i propri bisogni emotivi, e lo fa partendo dal cibo e dal corpo. L'anoressia nervosa è vista in ottica junghiana anche come un estremo sacrificio della personalità cosciente. Il soggetto non sentendo di poter crescere secondo ciò che sente più profondamente, per paura di disattendere le richieste dell'ambiente, dei coetanei e dei parenti, si dà ad un'astensione alla vita, votandosi ad una morte lenta. Tuttavia questa tendenza può essere invertita, promuovendo l'ascolto delle proprie paure, delle proprie emozioni e del proprio corpo, ponendo le basi per una personalità più completa e serena.

Risorse esterne sull'anoressia