Attacchi di panico: conoscere i sintomi, le cause e i rimedi

Attacchi di panico: come affrontare, conoscere e curare i disturbi d'ansia

Hai bisogno d'aiuto? Chiedi una consulenza in psicoterapia sugli attacchi di panico a Pisa

Se ritieni di avere un disturbo legato agli attacchi di panico non aver timore di chiedere aiuto ad un professionista che possa aiutarti ad affrontare e curare gli attacchi di panico. Svolgo la mia attività clinica come psicologo e psicoterapeuta a Pisa, per richiedere una consulenza di psicoterapia sugli attacchi di panico a Pisa puoi contattarmi compilando il seguente.form

Cosa sono gli attacchi di panico?

Gli attacchi di panico consistono nella comparsa improvvisa e inaspettata di forti sensazioni psicofisiche di disagio e paura intensi che raggiungono il loro picco massimo in pochi minuti, periodo durante il quale si verificano più sintomi correlati tra loro.

I Sintomi

La comparsa improvvisa può verificarsi a partire da uno stato di quiete che si tramuta repentinamente ed in maniera inaspettata in un attacco di panico oppure partendo da uno stato ansioso che lentamente progredisce sfociando in un vero e proprio attacco di panico I principali sintomi che lo caratterizzano sono:

  • Palpitazioni, cardiopalmo o tachicardia
  • Sudorazione
  • Tremori (fino ad arrivare a grandi scosse a seconda dell'intensità dell'attacco di panico)
  • Dispnea o sensazione di soffocamento
  • Sensazione di asfissia
  • Dolori o fastidi al petto
  • Nausea o disturbi addominali
  • Sensazioni di vertigine, instabilità, ''testa leggera'' o svenimento
  • Brividi o vampate di calore
  • Paura di perdere il controllo, paura di impazzire
  • Paura di morire

Il primo attacco di panico: evitamento e agorafobia

L'attacco di panico viene descritto da chi ne è stato colpito come un'esperienza davvero traumatica e terribile, spesso indelebile dalla memoria. Tutto questo innesca dunque in chi ha provato queste sgradevoli sensazioni in una paura anticipatoria verso eventuali futuri attacco di panico che potrebbero ripresentarsi, si innesca dunque la ''paura della paura'', fenomeno presente anche nei disturbi d'ansia generalizzati, che innesca un circolo vizioso che spesso conduce all'agorafobia, l'ansia di essere in luoghi o situazioni con scarse possibilità di fuga o allontanamento, tutto ciò genera una preventiva paura verso un eventuale attacco di panico portando l'individuo ad isolarsi totalmente da qualsiasi situazione sociale, ne consegue dunque un forte senso di frustrazione che può anche condurre ad una depressione. E' necessario dunque quando gli attacchi di panico si presentano ripetutamente e minano il normale svolgersi delle attività personali e sociali dell'individuo rivolgersi ad uno psicologo o psicoterapeuta per affrontare il disagio.

Possibili Cause degli attacchi di panico

Perchè viene?

L'attacco di panico spesso si presenta in maniera del tutto inaspettata, anche in situazioni di apparente quiete esteriore. Non è semplice dunque indagarne le cause, sicuramente fattori importanti per lo sviluppo degli attacchi di panico sono il carattere, la personalità ed il temperamento dell'individuo, i modelli educativi e relazionali dei genitori ed i fattori ambientali, situazioni di particolare stress, ansia e apprensione che possono fungere da fattori precipitanti.
Alcuni dei principali e più comuni fattori o cause precipitanti per gli attacchi di panico sono:


  • Matrimoni o convivenze difficili
  • Separazioni
  • Perdità o malattia di un familiare o persona casa
  • Problemi lavorativi
  • Essere vittima di abusi o violenze
  • Crisi esistenziali

Cura e Rimedi

Il panico è davvero uno dei disturbi d'ansia più forti ed invalidanti per l'individuo, per cui è necessario repentinamente l'intervento di una figura professionale specializzata, uno psicologo o psicoterapeuta, specializzato nella cura dei disturbi d'ansia e degli attacchi di panico.
La psicoterapia junghiana guarda l'attacco di panico come segno che qualcosa che fin lì ha funzionato non può più andare avanti. Le prime fasi terapeutiche consistono in un approccio corporeo al fine di gestire al più presto i sintomi fisiologici dell'attacco di panico senza dover ricorrere così all'uso di psicofarmaci. Successivamente si apre la fase analitica ove l'attenzione si sposta dal sintomo alle relazioni personali attuali e alle necessità individuative della personalità.

Risorse esterne sugli attacchi di panico